Home | Prodotti | Solution for you | Impianti Pellet Completi

Impianti Pellet Completi

Nel corso degli oltre 25 anni di attività Costruzioni Nazzareno si è affermata come leader a livello europeo nella progettazione e costruzione di impianti “chiavi in mano” per la lavorazione di scarti da processi industriali.

Un impianto è un insieme di macchine che, collegate tra di loro, danno luogo al ciclo di produzione.

Tale ciclo è diverso per ogni impianto in quanto le caratteristiche (tipologia, granulometria, umidità, stato iniziale, ecc.) del prodotto da lavorare sono sempre differenti. L’impianto può essere suddiviso in sezioni, e a seconda delle esigenze e/o richieste del cliente siamo in grado di automatizzare e fornire l’impianto intero o automatizzare singole sezioni dell’impianto.

Il nostro fiore all’occhiello sono diventati gli impianti per la produzione di pellet di legno, nel cui settore il marchio è ormai conosciuto a livello mondiale. L’azienda già nel 1999 ha costruito i primi impianti pellet completi per la produzione del pellet specializzandosi negli ultimi anni sempre di più su questo settore, ed acquisendo una grossa esperienza tramite la realizzazione in tutto il mondo di oltre 40 impianti.

Come lavoriamo nella realizzazione dell’impianto

La Costruzioni Nazzareno opera per la realizzazione di questi impianti in modo da dare il massimo supporto al cliente seguendolo in maniera attenta dal primo contatto, impostando il lavoro per la realizzazione dell’impianto secondo le seguenti fasi.

Scorri e scopri di più

Primo contatto con il cliente con raccolta delle informazioni, i dati per la realizzazione dello studio iniziale.

Progettazione dell’impianto e realizzazione dell’offerta.

Discussione dell’offerta e confronto con il cliente sulle tipologie di soluzioni tecniche adottate e la loro disposizione all’interno degli spazi esistenti.

All’acquisizione dell’ordine, sviluppo della commessa da parte della nostro ufficio tecnico e fornitura al cliente di tutta la documentazione tecnica necessaria per la realizzazione dell’impianto: disegno completo, disegni e dimensionamenti di opere murarie, disegni e dimensionamenti di impianti aria compressa, idrici ed elettrici.

Produzione di documentazioni per domande di contributo o domande ad enti preposti richieste dal cliente

Realizzazione delle macchine.

Installazione dell'impianto.

Avviamento e collaudi con prove di produzione.

Training con il travaso di tutte le nazioni per la conduzione dell'impianto ai tecnici del cliente.

Servizio di assistenza costante durante l'utilizzo.

Esempio della struttura dell’impianto pellet

Alimentazione

Macinazione, sgrossatura e selezione

La granulometria del materiale in ingresso è uno dei parametri fondamentali per decidere il sistema di alimentazione dell’impianto pellet. Risulta infatti possibile utilizzare come ingresso del materiale due tipologie di macchine:

  • Macchine da macinazione o chippatrici, alimentate da nastri o catenarie, quando in ingresso sono presenti pezzi di legno o ramaglie da sottobosco

  • Macchine selezionatrici e/o sgrossatici qualora in ingresso vi fosse del cippato, trucioli o segature di legno (soglia di sgrossatura con materia prima maggiore di 25x25x5mm) alimentati mediante una tramoggia ad estrazione idraulica o a coclea.

Appositi sistemi di trasporto meccanici o pneumatici compiranno il flusso produttivo agli stadi successivi.

Essiccazione

Asciugatura del materiale

Altro parametro importantissimo per la produzione del pellet è l’umidità del materiale trattato. La massima umidità possibile per alimentare la macchina pellettatrice, infatti, è stimata intorno al 12- 13% UR. Qualora l’umidità del materiale da lavorare fosse superiore a tale parametro, l’impianto pellet necessita di un essiccatoio o gruppo di disidratazione capace di asciugare il prodotto.

Tale macchina necessita di un generatore per la produzione di aria calda o, più in generale, di calore capace di compiere il processo di essiccazione; questo può essere alimentato in diversi modi: mediante segatura, cippato, gas naturale e metano, o altri sistemi o combustibili su richiesta.

Tra la caldaia e l’essiccatoio è possibile inserire un cogeneratore, per la produzione combinata di energia elettrica ed energia termica sotto forma di acqua calda.

Preparazione del prodotto

Il prodotto essiccato viene in seguito sottoposto ad un’eventuale depolverizzazione - selezionatura e alla raffinazione dove viene portato tutto alla granulometria massima (6-7 mm) richiesta per la produzione di pellet così da avere omogeneità - uniformità di prodotto; da qui verrà quindi trasportato ad un’eventuale stoccaggio e alla successiva trasformazione finale.

Produzione pellet e insacco

Il materiale preparato viene trasformato in pellet tramite una pressa cubettatrice. La linea di pellettatura si conclude con la raffreddatura (aria/prodotto) e la depolverizzazione del pellettato. E’ prevista l’installazione di un impianto ausiliario di aspirazione generale delle polveri con filtri finali di trattamento dell’aria emessa in atmosfera e recupero del polverino che viene reintrodotto nel sistema. Il pellet una volta raffreddato e pulito passa per un sistema di pesatura prima di essere confezionato in appositi sacchi personalizzati o nei big bag. Tale sistema di insacco può essere gestito manualmente o automaticamente, come la successiva palettizzazione.

I campi contrassegnati dal simbolo * sono obbligatori.

Il campo Nome è richiesto
Il campo Cognome è richiesto
Il campo Società è richiesto
Il campo Città è richiesto
Il campo Indirizzo è richiesto
Il campo Nazione è richiesto
Il campo Telefono è richiesto
Inserisci un Indirizzo e-mail valido
Il campo Messaggio è richiesto

È richiesta la spunta su autorizzo il trattamento dei dati


Registrati nel nostro sito potrai usufruire di alcuni servizi aggiuntivi.

Accedi all'area riservata